logo pt home

 

 In evidenza  

COME MOBILITARE LE COSCIENZE VERSO UNA POLITICA NUOVA? (PARTE SECONDA)

Il rinnovamento politico negli ultimi anni ha visto il fiorire di un numero elevato di movimenti che invece di ragionare su strategie di strutturazione "pro futuro”, si è di volta in volta, in molteplici casi, mascherati da civici per cercare di spogliarsi degli effetti ideologici dei partiti tradizionali che avrebbero potuto intaccare il consenso e alterare quelle che spesso si sono rivelate apparenze.

Ad ogni elezione locale, il proliferare dei personalismi ha visto: cambi di casacca, salti della quaglia e accordi vari, che se osservati con attenzione sono la dimostrazione di quanto complicato sia lavorare su concetti di "costruzione a lungo termine". Una sorta di filosofia del "carpe diem", dove il punto di arrivo è solamente riferito alla singola tornata elettorale.

La stessa legge elettorale sia per le provinciali sia per le comunali, basata sul voto così detto maggioritario, ha avuto effetti distorsivi, visto che se da un lato, può garantire governabilità per aggregazione in coalizioni, dall'altro ha accentuato composizioni estremamente eterogenee e rissose, che hanno prodotto i soliti compromessi al ribasso, deludendo gli elettori.

Leggi tutto...

LA POLITICA DEI GIOCHI DI PRESTIGIO

Cercare di dare una spiegazione razionale alla scelta fatta dai partiti nazionali del centro destra per la "nuova candidatura" alla poltrona di sindaco della città di Trento è impresa ardua.

La cronaca, non smentibile, di qualche mese addietro narra che gli stessi partiti avevano respinto l'auto candidatura dell'attuale prescelto.

Questa illuminazione sulla via di Damasco, sorretta dalla classica regola che la politica sa applicare in modo mirabile: mai dire mai, che significati può assumere agli occhi degli elettori.

Leggi tutto...

ATTENZIONE ALLE NUOVE DIFFERENZE DI CLASSE

Sta nascendo o meglio si sta accentuando una nuova disuguaglianza sociale: troppo evidente la differenza fra chi lavora nel privato rispetto a chi è impiegato nel pubblico.

Le tutele a favore di quest'ultimo, in certi comparti, paiono quasi discriminatorie verso chi, pur avendo mansioni similari, lavora nelle aziende private.

Le stesse organizzazioni sindacali sfruttano rendite di posizione ed hanno enormi difficoltà a far riconoscere i diritti dei dipendenti nelle situazioni di crisi che colpiscono i lavoratori delle aziende private, soprattutto multinazionali.

Leggi tutto...

TANTO TUONÒ CHE PIOVVE

La politica trentina sta attraversando un momento estremamente complicato, a risentirne in maniera preponderante il centro destra per la situazione che si è venuta a creare sulle candidature a sindaco per la città di Trento, visto anche il variegato panorama dei suoi componenti.

Le voci che si rincorrono, le ipotesi, i tentativi di un ricompattamento su un nome “forte” per contrastare adeguatamente la sinistra, sono naufragate (almeno per il momento) e le spiegazioni dei portavoce dei vari movimenti politici della coalizione, non hanno convinto.

Leggi tutto...

SERVE DAVVERO RIDURRE L'IVA?

In questi ultimi giorni arrivano notizie da Roma circa la proposta di riduzione momentanea dell'IVA. Ma siamo proprio sicuri, prendendo per buona la proposta, che l'abbassamento di tale imposta sia sufficiente per una ripresa tanto significativa quanto necessaria dei consumi delle famiglie? Sono fermamente convinto che questo non basta.

Se non ci sono soldi nelle tasche dei consumatori non si consuma e l'IVA potrà anche essere dimezzata,

Leggi tutto...

Newsletter

Iscriviti ora! Riceverai in anteprima tutte le notizie di progetto Trentino
Privacy e Termini di Utilizzo