logo pt home

Videomessaggi

 

Gruppo Consiliare Provinciale

APPUNTAMENTI

GIUGNO 2020
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30

 

 In evidenza  

DOMANI 25 APRILE

 

La ricorrenza che ci accingiamo a celebrare capita forse nel momento più buio, per il nostro paese, dal dopoguerra. Da parecchie settimane siamo costretti ad una restrizione delle libertà individuali che ricordano un periodo infausto della storia d'Italia. Ad avvalorare questa ipotesi, questo rigurgito di rifascismo, è il metodo coercitivo usato dalle forze di polizia, quello delle multe, con il sottointeso: “castigarne uno per educarne cento”. Gli esempi si sprecano e vanno a rafforzare l'ipotesi della illegittimità dei decreti fin qui emanati, a meno che non si possa parlare del reato: di passeggiata, di acquisto o del reato di attività motoria, l'elenco è lungo. Ci sono invece oltre 25000 vittime, per ora, da ricordare in questo 25 aprile che aspettano una sepoltura degna della nostra storia e tradizione, ci sono i medici, gli infermieri, gli operatori sanitari, anch'essi vittime, che stanno combattendo con pochissime armi a disposizione una battaglia impari, che vanno ringraziati, ci sono i parroci deceduti nel compiere le loro funzioni a cui rivolgere un pensiero. C'è un governo... oggi, che annaspa confuso nel mare magnum della burocrazia, delegittimato dai suoi atti e da una democrazia parlamentare mortificata dalla cultura politica e senso civico dei suoi addetti, stiamo cadendo, sempre più in basso, proprio nel giorno in cui ricordiamo i caduti della guerra di liberazione.

Leggi tutto...

PROPOSTE PER L’AVVIO DELLA FASE 2 A ROVERETO

Questa fase di quarantena e di fermo per le aziende, per i negozi, per gli autonomi, per gli artigiani e per i liberi professionisti, che è in corso da più di un mese e mezzo, e dalla fine incerta, ha comportato gravissimi danni per chi deve fare affidamento solo sul proprio lavoro per riuscire a portare a casa uno stipendio, quindi per far vivere se stesso e la propria famiglia! Normalmente le partite iva, l’ultimo trimestre dell’anno sono tempestate da una vastità di scadenze, tra cui anche l’anticipo di una tassa; purtroppo in molti casi queste scadenze ripuliscono tutti i conti ed i primi mesi del nuovo anno non sono mai molto felici…

Pertanto ad oggi, questa categoria silente perché da sempre abituata a rimboccarsi le maniche, non naviga in buone acque, infatti anche lo Stato non ha fatto nulla di concreto per aiutarle le partite iva! Si consideri che l’indennizzo di 600 Euro per il mese di marzo, che deve ancora arrivare, spetta solo a chi ha un reddito inferiore a 35’000 Euro, quindi non premia chi ha un buon comportamento dal punto di vista fiscale! Quello che spetta a diverse di queste categorie è a dir poco terribile: le vendite on-line hanno preso ancor più piede ed anche i meno avversi alla tecnologia, comprano sul web. Le attività ricettive non hanno la minima idea di quello che succederà e su che onerose precauzioni dovranno attuare, oltre la riduzione della capacità ricettiva e la paura che giustamente il consumatore ha.

In questa quarantena moltissimi dipendenti, anche pubblici, hanno usato le proprie ferie, rinunciando ad un loro sacrosanto diritto! Chi rimane senza ferie non può andare in vacanza, quindi non può essere promotore di economia nel turismo. Il quadro a mio avviso è devastante e gli effetti negativi del COVID 19 hanno risparmiato ben poche e fortunate persone: che forse non si rendono nemmeno conto della situazione in cui siamo! Penso che chiunque si occupi di politica deve sforzarsi e pensare qualche proposta concreta e velocemente realizzabile da avanzare a chi ha il potere di mettere in campo qualcosa. Sono assolutamente contrario al fatto di perdere tempo con tavoli, unità operative o commissioni che non fanno altro che evitare una razionale soluzione ai problemi e non fanno altro che dilatare i tempi per la partenza delle misure: questi giorni ci hanno insegnato che se una cosa si deve fare, si può fare anche utilizzando canali alternativi tipo mail, pec, Skype, ...

Leggi tutto...

PROPOSTE CONCRETE PER UN AIUTO AI TEMPI DELLA PANDEMIA

                        

Qualche giorno fa ho lanciato una proposta alla Provincia Autonoma di Trento per reperire risorse finanziarie provenienti direttamente dal territorio e così fronteggiare l’urgente fabbisogno di liquidità necessario al sostegno delle imprese, delle famiglie e per la ripartenza degli investimenti pubblici messi pesantemente in crisi dall’emergenza coronavirus.

Proponevo di sostenere il crescente fabbisogno di liquidità attraverso la sottoscrizione ed il collocamento di titoli obbligazionari da parte della PAT (una specie di euro bond territoriali) finanziati dal risparmio delle famiglie e imprese trentine, in virtù sia della massiccia disponibilità giacente nei conti correnti bancari che del rating positivo assegnato alla PAT superiore a quello dell’Italia (*).

Nel 2018 il settore bancario alla voce “conti correnti e depositi a risparmio” delle famiglie e delle imprese trentine ha registrato una crescita del +3,2 % su base annua rispetto all’anno precedente(**), facendo salire il totale dei depositi disponibili a 15,3 mdi di euro e il totale dei titoli a custodia a 6,8 mdi di euro (-10,7% rispetto al 2017).

Leggi tutto...

Newsletter

Iscriviti ora! Riceverai in anteprima tutte le notizie di progetto Trentino
Privacy e Termini di Utilizzo