logo pt home

Videomessaggi

 

Gruppo Consiliare Provinciale

APPUNTAMENTI

OTTOBRE 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

 

 In evidenza  

COME NON INQUINARE?

Con tutto il rispetto, forse serve un nuovo comandamento: Non inquinareCe lo hanno ricordato le manifestazioni dei giorni scorsi, che personalmente giudico positive. Una presa di consapevolezza per molti giovani, per ora molto teorica, nella quale si intravede un cambiamento radicale rispetto alle proteste ideologiche dei decenni passati. Resta pur sempre un modo di risvegliare le coscienze e stimolare esperti, studiosi,  scenziati  nonché politici, a ricercare nuovi metodi e strategie anti inquinamento. Il tema è amplissimo e non privo di rischi e contraddizioni, basti pensare alla evoluzione tecnologica che ha coinvolto il mondo nell'ultimo mezzo secolo e le sue conseguenze attuali sul modo di vivere di molte società, basato sul consumismo spesso con aspetti sfrenati.

Per esimerci dalla polemica: “Greta si, Greta no”, puntiamo l'attenzione su cosa la politica e chi amministra potrebbe fare per intraprendere iniziative che educhino la società ad inquinare meno, sottolineo meno, perchè i grandi proclami servono a poco o nulla, sono le piccole azioni del singolo, costanti e convinte, accompagnate da sensati incentivi a cambiare i comportamenti. Su questo tema, per non tirare in ballo la stra nominata educazione civica, bisogna ragionare in termini di materia di studio, di applicazione scentifica, per alcuni aspetti di filosofia di vita, se effettivamente si vuole affrontare la questione e la sua enorme implicazione nella vita di tutti i giorni. Non mi sento colpevole di: “aver negato il futuro alle giovani generazioni”, spiegare lo stile di vita degli anni sessanta/settanta della stragrande maggioranza delle famiglie italiane sarebbe più che sufficiente per capire..., ma che si sia fatto poco nulla nell'ultimo trentennio a cavallo dei due secoli per affrontare le problematiche è sicuramente vero.

Roberto Avanzi