logo pt home

Videomessaggi

 

Gruppo Consiliare Provinciale

APPUNTAMENTI

NOVEMBRE 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30

 

 In evidenza  

RICORDIAMOCI DA DOVE VENIAMO

L'ultima fatica letteraria di Elena Albertini: “Destini incrociati” (edizioni curcu e genovese) (letto d'un fiato) richiama e ricorda i valori dai quali, come italiani, come volontari della politica, non dobbiamo mai prescindere, ma portare con noi nel nostro viaggio di ricerca di un approdo, di una evoluzione del pensiero politico che, mai come oggi, deve poggiare le sue fondamenta sugli insegnamenti di un periodo storico così infausto e doloroso. Ecco che allora, sottraendoci alle polemiche sulla istituzione della Commisione Segre, Progetto Trentino viene chiamato oggi ad un ruolo nuovo: quello di sentinella, di salvaguardia e conservazione di quei valori che hanno permesso la nascita e lo sviluppo della democrazia nel nostro paese ed in Trentino. Proprio perché siamo componenti di una coalizione di centro destra autonomista e popolare, siamo chiamati ad un lavoro di presidio culturale, con quella filosofia che spesso sentiamo nostra: “fare qualcosa di utile per il Trentino”; oserei dire: un presidio educativo, che deve saper richiamare l'attenzione della politica locale su temi che, dal dopo guerra ad oggi, tornano di tanto intanto ad animare frange del disagio sociale dando rifugi privi di futuro, ma molto pericolosi per una società confusa e in declino.

Il contesto attuale richiede un impego politico che non può essere solo critica, ne tanto meno menefreghismo, dobbiamo riportare il dibattito politico nell'alveo di quel sano antifascismo per troppi anni rimasto in mano, nel suo manifestarsi, ad una sinistra incapace molto spesso di perpetrarne i valori. Il tutto deve essere un forte richiamo ad intraprendere con fermezza la strada che porta a combattere ogni forma di razzismo, di quel razzismo spesso strisciante, in quelle forme che esulano dall'essere eclatanti e strumentali ai media, ma riguardano intere fette della popolazione, discriminata e vessata anche da semplici norme, da provvedimenti del potere che ledono la dignità della persona. Parafrasando il titolo del libro di Elena: i nostri destini sono incrociati con la capacità che avremo di interpretare il futuro con la storia della nostra patria e del Trentino, il libro nel suo svolgersi ce lo conferma e ricorda.