logo pt home

 

 In evidenza  

Se la stampa ti fa sindaco

Il colore politico dei giornali da cosa dipende? La risposta parrebbe scontata, ma a ben guardare il disappunto sopravviene e si palesa ulteriormente, quando si leggono gli articoli infarciti dagli spunti tratti dal nuovo agone della politica: i social network.

La città di Trento ha praticamente un nuovo sindaco, mentre in questi giorni il numero di candidati aumenta e attrae le attenzioni giornalistiche, tanto da produrre le solite polemiche, Janeselli per i “bene informati” ha già vinto, gli altri si dovranno accontentare di qualche consigliere qua e la.

Mi domando perchè si fanno le elezioni se tutto è oramai deciso.

Il centro destra per alcuni è solo destra, mentre il centro sinistra è più centro che sinistra, sempre per “gli alcuni”, aggiungiamo: al centro ci sono altre formazioni, l'imperativo è occupare il centro per poi commentare che il centro non esiste più dal 1994, se evitiamo la parola centro (magari storico) facciamo un favore a tutti quanti (ex sindaco compreso), meno che ai media. 

Domanda, il covid- 19 da che parte sta, nel centro sinistra, nel centro destra? Evitiamo le risposte alla Bersani che fanno veramente accapponare la pelle, ci manca solo più che si apra un dibattito su questo per toccare picchi di cultura mai raggiunti.

Grazie per i like, diranno i prossimi eletti per ingraziarsi e ringraziare (i voti sono aboliti?) probabilmente lo saranno presto, di questo passo..., vedi Presidente del Consiglio.

Saranno i giornali a scegliere anche i consiglieri comunali? Sarebbe un'idea, l'importante sarebbe rispettare la parità di genere, cosa fino a questo momento, visto come trattano i temi politici, che non viene applicata. La candidata a sindaco di Trento di :” Si può fare” è completamente ignorata, non ho visto la commissione per le pari opportunità stracciarsi le vesti sull'argomento.

Che la politica sia cosa solo per uomini? Già, non ci avevo pensato che alcuni retaggi sopravvivono nonostante tutto..., anche sui giornali? Ma guarda un po'che storia.

Forse la cosa migliore sarebbe una consultazione su whatsapp, un bel pollice alzato o abbassato e vai con il consiglio comunale fatto, se serve, se no, bastano sindaco e giunta, per il resto “ i se c....”.

Se così non sarà, comincerà (per alcuni è gia cominciata) la caccia al candidato consigliere, niente curricula a caso, la domanda è: quanti voti porta? Già, sembra una domanda da tv dei ragazzi, trasmissione Chissà chi li sa? Condotta da Febo Conti, riminiscenze.

Comunque il cruccio della settimana è dove si schiererà la Democrazia Cistiana, andrà al centro? Battiato docet.

Resta la famosissima: conditio sine qua non, se siamo ancora in democrazia, o va bene cosi, libertà di stampa? Libertà di coscienza? Unica certezza: Trento ha un nuovo sindaco, che sarà mai se hanno deciso 4 mesi prima!

Newsletter

Iscriviti ora! Riceverai in anteprima tutte le notizie di progetto Trentino
Privacy e Termini di Utilizzo